Digita cosa stai cercando

contributi e agevolazioni per abbattimento barriere architettoniche

Se vuoi realizzare un ambiente accessibile per te o per i tuoi familiari sappi che puoi beneficiare di contributi e agevolazioni per abbattimento barriere architettoniche.

Vivere all’interno di un ambiente sicuro e privo di ostacoli aumenta la qualità della vita e permette di evitare gravose cadute causate da problemi di deambulazione e le relative conseguenze al trauma. L’installazione di sistemi come servoscala, ascensori domestici, rampe modulari o la realizzazione di bagni con ausili dedicati ad anziani e disabili garantiscono l’autonomia della persona accrescendone in modo esponenziale l’autostima e la fiducia in se stessa. Questi fattori diventano ancora più rilevanti nei momenti di privacy come durante l’igiene personale alla toilette.

I lavori per l’adeguamento degli edifici possono essere alleggeriti del loro costo grazie al contributo finanziato dalle Regioni.

Dopo 15 anni di assenza, in una conferenza unificata Stato Regioni del 15 febbraio 2018, è stato sancito il rifinanziamento del fondo nazionale previsto dalla Legge 13 del 9 gennaio 1989 per un importo pari a 180 milioni da suddividere in quattro anni: 20 nel 2017, 60 nel 2018, 40 nel 2019 e 60 nel 2020 e negli anni a venire fino al 2032.

La cifra destinata ai contributi e agevolazioni per abbattimento barriere architettoniche negli edifici privati è stata così ridistribuita nel territorio nazionale dal Ministero delle infrastrutture:

  • Abruzzo 4,4 milioni;
  • Basilicata 15,2 milioni;
  • Campania 13,5 milioni;
  • Emilia-Romagna 29,3 milioni;
  • Lazio 19,2 milioni;
  • Liguria 275 mila euro;
  • Lombardia 25,3 milioni;
  • Marche 11,3 milioni;
  • Molise 1,1 milioni;
  • Piemonte 25,7 milioni;
  • Puglia 4 milioni;
  • Sardegna 3,2 milioni;
  • Sicilia 4,4 milioni;
  • Toscana 2,9 milioni;
  • Umbria 11 milioni;
  • Veneto 8,4 milioni.

La suddivisione della cifra stanziata è avvenuta in base alle richieste di sovvenzione rimaste inevase fino al 2017 (la somma totale dei 15 anni è pari a 230 milioni) fatte pervenire dai Comuni ad ogni Regione. Quanto più alto è stato l’arretrato e maggiore è stata la cifra destinata dal fondo. Alcune regioni come Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Calabria non sono presenti nella lista in quanto hanno provveduto a finanziare i progetti con risorse proprie risultando così prive di fabbisogno inevaso.

COME SI POSSONO ACCEDERE AI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI PER ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE?

Per accedere ai contributi e agevolazioni per abbattimento barriere architettoniche si deve presentare prima dell’inizio lavori il preventivo dettagliato di spesa per l’installazione dell’ausilio scelto al Comune in cui si trova l’immobile secondo le specifiche modalità di ammissioni pratiche.

Il richiedente deve possedere i requisiti di legge necessari per poter accedere ai fondi ovvero:

  • essere disabile portatore di menomazioni o limitazioni funzionali permanenti di carattere motorio o visivo;
  • avere a carico la persona con disabilità permanente;
  • abitare in condominio dove risiedono le suddette categorie di beneficiari e partecipare all’acquisto dell’ausilio saliscale condominiale;
  • essere un istituto residenziale destinato all’assistenza di persone con disabilità.

La domanda deve essere presentata ogni anno entro il 1 marzo al Comune assieme ad un certificato medico che attesti la correlazione tra tipologia di disabilità e i benefici apportati dall’ausilio installato. Nell’accesso ai contributi hanno diritto di precedenza le persone in possesso di certificazione attestante un’invalidità totale con difficoltà di deambulazione. Al momento dell’erogazione dei fondi fa fede la spesa realmente sostenuta in fattura e non il preventivo.

Ricordiamo inoltre che gli ausili venduti e installati da Mobility Care possono essere acquistati usufruendo dell’Iva agevolata al 4% e puoi beneficiare anche delle detrazioni IRPEF del 50% sulla totalità della spesa sostenuta dedicata alle ristrutturazioni per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Per ulteriori informazioni sulle detrazioni e contributi potete seguire la nostra pagina “Agevolazioni” fiscali presente nel menù del sito. Invece se vuoi installare un servoscala a poltroncina, un servoscala a piattaforma, un ascensore domestico o desideri sostituire la tua vecchia vasca con un box doccia con ausili bagno per renderlo accessibile può richiamare Mobility Care per un sopralluogo gratuito dove il nostro consulente della mobilità saprà fornirti tutte le indicazioni per ottenere la soluzione ideale alle tue esigenze. Che aspetti? Chiama subito il numero verde 800 598078 .

Contattaci