Enter your keyword

per la mobilità soluzioni e Servoscale Montascale improve the quality of life

AGEVOLAZIONI FISCALI 2021


 

CESSIONE DEL CREDITO

NEL CASO DEL 50% BISOGNA AVERE CAPIENZA FISCALE, NEL CASO DEL 110% NON E’ NECESSARIO
IL CITTADINO CHE FA UN LAVORO SOGGETTO AD AGEVOLAZIONE CEDE IL PROPRIO CREDITO IN CAMBIO DI UNO SCONTO IN FATTURA

 

DEL DISBRIGO DELLA PRATICA CI OCCUPIAMO DI TUTTO NOI

E’  UNA COSA MOLTO SEMPLICE

PER NULLA  COSTOSA

ED E’ SOPRATTUTTO MOLTO VELOCE

Per informazioni e richieste clicca qui

SCONTO IN FATTURA

DEL 50%

PER CESSIONE DEL TUO CREDITO FISCALE

(NON  E’ NECESSARIA LA CAPIENZA

DEL TUO CASSETTO FISCALE)

DEL DISBRIGO DELLA PRATICA CI OCCUPIAMO DI TUTTO NOI

E’  UNA COSA MOLTO SEMPLICE

PER NULLA  COSTOSA

ED E’ SOPRATTUTTO MOLTO VELOCE

Per informazioni e richieste clicca qui

Elenco delle agevolazioni fiscali e dei contributi :

  • Contributo una tantum Legge 13/89
  • Detrazione Irpef 19% per spese mediche
  • IVA agevolata al 4%
  • Detrazione IRPEF 50% per ristrutturazioni
  • Detrazione 110% Ecobonus – Sismabonus
  • Cessione del credito

CONTRIBUTO UNA TANTUM
LEGGE 13/89

 

I lavori devono essere conformi al DM 236/89

  • Per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle abitazioni private, la legislazione italiana prevede la possibilità di concorrere a un parziale rimborso del costo sostenuto, purchè le opere siano realizzate in edifici già esistenti, a decorrere dall’ 11 agosto 1989 (primo giorno posteriore ai sei mesi dall’entrata in vigore della Legge 13/89 in riferimento all’art. n. 9).
  • La Legge n.13/89, eroga contributi a fondo perduto a carico dello Stato e delle Regioni, a favore di chiunque sia portatore di menomazioni o limitazioni funzionali permanenti, fra queste la cecità, che determinano obiettive difficoltà alla mobilità tali da rendere impossibile, difficoltoso o pericoloso superare a piedi una o più rampe di scale.
    La condizione dello stato di salute, non deve essere necessariamente documentata da certificati rilasciati da organismi specifici o da specialisti, ma può essere attestata semplicemente da un certificato rilasciato dal proprio medico di base. I portatori di handicap riconosciuti invalidi civili dall’Azienda Sanitaria Locale, (Legge 104/92) hanno diritto di precedenza nella graduatoria delle domande ammesse al contributo.

CONTRIBUTO UNA TANTUM
LEGGE 13/89

 

Entità dei contributi per l’eliminazione delle barriere architettoniche.

  • fino a € 2.582,28 il contributo copre l’intera opera di ristrutturazione;
  • fino a € 12.911,42 è rimborsato il 25% della spesa sostenuta (oltre la quota base di € 2.582,28);
  • tra i € 12.911,42 e i € 51.645,69 è rimborsato il 5% (oltre la quota di € 12.911,42);
  • per una spesa pari o superiore a € 51.645,69 la quota di rimborso è di € 7.101,28.

IVA agevolata al 4%

  • Per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle abitazioni private, la legislazione italiana prevede la possibilità di concorrere a un parziale rimborso del costo sostenuto, purchè le opere siano realizzate in edifici già esistenti, a decorrere dall’ 11 agosto 1989 (primo giorno posteriore ai sei mesi dall’entrata in vigore della Legge 13/89 in riferimento all’art. n. 9).
  • La Legge n.13/89, eroga contributi a fondo perduto a carico dello Stato e delle Regioni, a favore di chiunque sia portatore di menomazioni o limitazioni funzionali permanenti, fra queste la cecità, che determinano obiettive difficoltà alla mobilità tali da rendere impossibile, difficoltoso o pericoloso superare a piedi una o più rampe di scale.
    La condizione dello stato di salute, non deve essere necessariamente documentata da certificati rilasciati da organismi specifici o da specialisti, ma può essere attestata semplicemente da un certificato rilasciato dal proprio medico di base. I portatori di handicap riconosciuti invalidi civili dall’Azienda Sanitaria Locale, (Legge 104/92) hanno diritto di precedenza nella graduatoria delle domande ammesse al contributo.

DETRAZIONE IRPEF 19%

  • Per alcune spese sanitarie e per l’acquisto di mezzi di ausilio è riconosciuta una detrazione dall’Irpef del 19%. 
    La detrazione può essere fruita anche dal familiare del disabile a condizione che quest’ultimo sia fiscalmente a suo carico.
  • la costruzione di rampe per l’eliminazione di barriere architettoniche esterne ed interne alle abitazioni. (Per queste spese la detrazione non è fruibile
    contemporaneamente all’agevolazione prevista per gli interventi di ristrutturazione edilizia)
  • l’adattamento dell’ascensore per renderlo idoneo a contenere la carrozzella e l’installazione e la manutenzione della pedana di sollevamento installata
    nell’abitazione della persona con disabilità (anche per queste spese la detrazione spetta per la parte eccedente quella per la quale si fruisce della detrazione relativa alle spese sostenute per interventi finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche)

DETRAZIONE IRPEF 50%
legge di bilancio 2021

Bonus ristrutturazioni 2021
Proroga fino al 31 dicembre 2021 anche per la detrazione Irpef al 50% delle spese sostenute per interventi di recupero edilizio, nota anche come bonus casa o bonus ristrutturazioni.
Si tratta di detrazioni pari al 50% delle spese,  con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Per gli interventi di ristrutturazione realizzati su immobili residenziali  adibiti promiscuamente all’esercizio di un’attività commerciale, dell’arte o della professione, la detrazione spetta nella misura ridotta della metà.

SUPERBONUS 110%
riferimenti

Con la legge di Bilancio 2021 ci sono importanti novità per ciò che riguarda le detrazioni fiscali nel caso vengano eseguiti interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche .

La nuova Manovra economica riconosce il Superbonus 110% in caso di spese sostenute per ascensori, montacarichi e ogni altro strumento anche di robotica che sia volto a migliorare comunicazione e mobilità delle persone affette da un grave handicap.

Affinché si possa fruire della maxi agevolazione è necessario che il lavoro venga eseguito congiuntamente a un intervento trainante come definito dal Decreto Rilancio che introduce il Superbonus 110%. Le opere per l’eliminazione delle barriere sono infatti interventi minori (cosiddetti trainati) che non possono beneficiare dell’aliquota pari al 110% se non eseguiti contestualmente a quelli principali.

Non è tutto. Altro aspetto da sottolineare, molto importante, è che per tali tipologie di interventi avranno diritto alla detrazione potenziata le persone over 65 o disabili.

In caso di lavori volti alla eliminazione delle barriere varrà inoltre la nuova durata del Superbonus 110% prevista dalla Legge di Bilancio 2021.
Il termine è stato infatti spostato al 30 giugno 2022 e per i lavori realizzati al 60% si potrà beneficiare della proroga al 31 dicembre 2023.
E’ possibile fruire delle agevolazioni 110% in assenza di interventi trainanti qual ora ci sia l’impossibilità legislativa e tecnica di realizzarli a causa di zone soggette a particolari vincoli come i centri storici.

INSTALLAZIONE DI SERVOSCALA IN CASA

    Vuoi maggiori Informazioni sulle Detrazioni Fiscali?
    Lasciaci i tuoi dati ti risponderemo prima possibile.

    (*) campi obbligatori